Spread the love

Nel cuore della trilogia

I miei libri sono ambientati in un’Europa devastata da catastrofi ambientali e divisa in stati totalitari nati dopo la secessione degli indipendentisti baschi, celti, curdi, ecc.

L’Italia, in questo nuovo assetto, appare divisa: ne Il granello di sabbia, in una confederazione del nord, guidata dai Signori della rete, e una confederazione del sud, guidata dalla mafia. Nei due libri successivi troviamo le Città dei Giudici, sette città divise per classi sociali dominate dalla casta dei Giudici, nate dopo una catastrofe ambientale che ha stravolto la geografia del continente.

Per le ambientazioni mi sono ispirato a Genova, la città in cui vivo, una Genova trasformata in una fortezza militare, in cui alte mura, che richiamano le antiche mura medioevali, la dividono dal mare. Per quanto riguarda la montagna che apre Il sorriso del lupo, ho preso spunto dalla Valle Pesio e dalle siue cime.

Sia la polizia etica del primo libro, sia i Regolatori degli altri due, nascono dai ricordi del G8 del 2001 a Genova, mentre i governi totalitari presenti in tutti e tre i libri prendono spunti dai tanti governi totalitari vecchi e nuovi della storia.

Il lupo è un simbolo, una suggestione, un enigma e lascio ai lettori il compito di decifrarlo.